Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for 4 ottobre 2011

Nel cerchio di un pensiero

a volte mi riposo sognando

e lí sta il tuo peccato

perché mi entri nel corpo

e il corpo si appassiona

gridando di un’estasi che non è sua

altri giovani amanti diciamo

che sono presenti

nei tuoi baci nelle mie disattenzioni

infatti su di me hanno camminato

le ombre dei morti

di coloro che sono inceneriti

in un letto

e non hanno mai avuto niente.

(Alda Merini)

Annunci

Read Full Post »

perchè il Tempo è un immenso respiro più grande di noi…

 

Read Full Post »

” Io te vurria vasa’ “, sospira la canzone
ma prima e più di questo io ti vorrei bastare,
io te vurria abbasta’,
come la gola al canto come il coltello al pane
come la fede al santo io ti vorrei bastare.
E nessun altro abbraccio potessi tu cercare
in nessun altro odore addormentare,
io ti vorrei bastare,
io te vurria abbasta’.
” Io te vurria vasa’ “, insiste la canzone
ma un pò meno di questo io ti vorrei mancare
io te vurria manca’,
più del fiato in salita
più di neve a Natale
di benda su ferita
più di farina e sale.
E nessun altro abbraccio potessi tu cercare
in nessun altro odore addormentare,
io ti vorrei mancare,
io te vurria manca’.
(Erri De Luca)


Read Full Post »

Salire scale pericolanti
con borse cariche di sofferenze e rabbia.
Oltrepassare sbadata il proprio piano
e inchiodare la testa nel buio della soffitta.
Gettare dall’alto uno sguardo sul baratro
e dal basso il baratro lo sguardo in te.
Proprio accanto percepire un’assenza
e tu stessa lontana da lei.
Ma perché? – gridare a nessuno.
E turbinosa l’eco ti risponda: – Perché?
Dalla riva del tempo sgretolata
crollare in un vuoto atemporale.
Sull’orlo dello strazio arrivata,
ti fermerai sfinita sull’orlo?
Oppure là, fuori, lungo quella scala
a fatica giungerai sull’orlo del mistero?
(Blaga Dimitrova)

Read Full Post »