Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for 20 dicembre 2011

Read Full Post »

Questo è l’enigma, l’ansia travolgente
di conoscere, il desiderio irresistibile di gettare l’ancora
in te, di possederti.
Come sarebbe la perplessità di essere te,
il mistero, la malattia di essere te e sapere
Come sarebbe lo stupore di essere te, davvero te e
con i tuoi occhi vedermi.
Come sarebbe percepire che ti amo
Come sarebbe, essendo te, sentirmelo dire
E come sarebbe, allora, sentire quello che senti tu.

 (Ana Rossetti)

Read Full Post »

Non ho dimenticato quante volte
ho perso la strada
non ho dimenticato la voce
che mi disse ricorda
non ho dimenticato la voce
che mi disse ritorna.
Ho scordato la mano
che mi carezzava i capelli
ho scordato l’amico
a cui ho chiesto perdono.
Io sono solo,
ho vissuto la vita
che sognavo di vivere ,
senza pentirmi
ho pagato gli sbagli
che sapevo di fare,
ho lasciato le cose
che volevo lasciare.
Ho perso le cose
che volevo tenere.
Ma il mio spirito
è libero
libero dentro…..
(Artur Brand)

Read Full Post »

Passi increduli

ritagliano

angoli di pensieri,

vuoti spazi

graffiano ricordi

e un simulacro

d’altri tempi.

La gola s’inarca

e contorce il respiro

sul vivo dell’emozione,

ascolta il tumulo

del sacrale silenzio.

Sul fondo della vita

solo semplici

rumori di lavoro

sul fondo del cuore

solo l’assenza

e il pudore

d’un eroico suono

di rispettosa memoria.

(Maurizio Molinari)

Read Full Post »