Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘Alda Merini’

994acdff5cc8d994d08e46628b4b6d7dNon si ama con il cuore,

si ama con l’anima

che si impregna di storia.

Non si ama se non si soffre

e non si ama se

non si ha paura di perdere.

Ma quando ami vivi,

forse male,

forse bene,

ma vivi.

Allora muori

quando smetti di

amare,

scompari

quando non sei più amato.

Se l’amore ti ferisce,

cura le tue

cicatrici e credici,

sei vivo.

Perchè vivi per chi ami

e per chi ti ama. 

(Alda Merini)

Read Full Post »

Il nostro viale

era il mattino,

silenzioso,

mattino di aprile,

immote come fanciulle

scendevamo nell”aia

dei nostri sogni infiniti,

qualcosa ci consolava

la ridente e giocosa giovinezza,

eravamo come le capre

ci bastava un po’ d”erba

e un po’ di rorida acqua.

Adesso la tempesta

ci avvelena,

e il nostro cuore

é fatto sospettoso

dai mille pericoli di vita,

forse tremiamo per gli altri

ma in fondo siamo rimaste intatte

credenti in un Dio che non muore,

ma forse ci troveremo

oltre queste barriere

come angeli oscuri

che hanno patito la morte

ma che possono credere ancora

che oltre le mura del cielo

sorga una terra santa,

edificante leggera,

la terra di tutti i fratelli.

(Alda Merini)

Read Full Post »

c1034feeb8e544b33d1fc604d40ae043_LSono stata io a volere essere

fotografata nuda.

Mi fa sorridere il moralismo

della gente,

non lo tirano fuori

per il nudo in sé,

ormai ovunque,

ma per quello non perfetto.

E’ l’imperfezione a scandalizzare,

come fosse una colpa.

Il mio è stato un gesto

di provocazione,

e anche di profondo dolore:

in manicomio ci spogliavano

come fossimo cose.

Mi sento nuda

ancora adesso.

(Alda Merini)

Read Full Post »

nyt

Io come voi sono stata sorpresa
mentre rubavo la vita,
buttata fuori dal mio desiderio d’amore.
Io come voi non sono stata ascoltata
e ho visto le sbarre del silenzio
crescermi intorno e strapparmi i capelli.
Io come voi ho pianto,
ho riso e ho sperato.
Io come voi mi sono sentita togliere
i vestiti di dosso
e quando mi hanno dato in mano
la mia vergogna
ho mangiato vergogna ogni giorno.
Io come voi ho soccorso il nemico
ho avuto fede nei miei poveri panni
e ho domandato cosa sia il Signore,
poi dall’idea della sua esistenza
ho tratto forza per sentire il martirio
volarmi intorno come colomba viva.
Io come voi ho consumato l’amore da sola
lontana persino dal Cristo risorto.
Ma io come voi sono tornata alla scienza
del dolore dell’uomo, che è la scienza mia. 
 (Alda Merini)

Read Full Post »

12341139_930699563652053_3404791313416485378_n

A Natale non si fanno cattivi
pensieri ma chi è solo
lo vorrebbe saltare
questo giorno.
A tutti loro auguro di
vivere un Natale
in compagnia.
Un pensiero lo rivolgo a
tutti quelli che soffrono
per una malattia.
A coloro auguro un
Natale di speranza e di letizia.
Ma quelli che in questo giorno
hanno un posto privilegiato
nel mio cuore
sono i piccoli mocciosi
che vedono il Natale
attraverso le confezioni dei regali.
Agli adulti auguro di esaudire
tutte le loro aspettative.
Per i bambini poveri
che non vivono nel paese dei balocchi
auguro che il Natale
porti una famiglia che li adotti
per farli uscire dalla loro condizione
fatta di miseria e disperazione.
A tutti voi
auguro un Natale con pochi regali
ma con tutti gli ideali realizzati

(Alda Merini)

Read Full Post »

Dovrei chiedere scusa a me stessa

per aver creduto sempre

di non essere abbastanza.

(Alda Merini)

Read Full Post »

1

Pensiero, io non ho più parole.

Ma cosa sei tu in sostanza?

qualcosa che lacrima a volte,

e a volte dà luce. ..

Pensiero, dove hai le radici?

Nella mia anima folle

o nel mio grembo distrutto?

Sei cosi ardito vorace,

consumi ogni distanza;

dimmi che io mi ritorca

come ha già fatto Orfeo

guardando la sua Euridice,

e cosi possa perderti

nell’antro della follia.

(Alda Merini)

Read Full Post »

Older Posts »