Feeds:
Articoli
Commenti

FtrTi meriti un amore che ti voglia
spettinata,

con tutto e le ragioni che ti fanno
alzare in fretta,

con tutto e i demoni che non ti
lasciano dormire.

Ti meriti un amore che ti faccia
sentire sicura,
in grado di mangiarsi il mondo
quando cammina accanto a te,

che senta che i tuoi abbracci sono
perfetti per la sua pelle.

Ti meriti un amore che voglia ballare
con te,

che trovi il paradiso ogni volta che
guarda nei tuoi occhi,

che non si annoi mai di leggere le
tue espressioni.

Ti meriti un amore che ti ascolti
quando canti,

che ti appoggi quando fai la ridicola,
che rispetti il tuo essere libera,

che ti accompagni nel tuo volo,
che non abbia paura di cadere.

Ti meriti un amore che ti spazzi via le
bugie
che ti porti il sogno,
il caffè
e la poesia.”

(Estefania Mitre)

13681058_1058590094225680_1470173224713991256_nNon si ama con il cuore, si ama con l’anima che si impregna di storia

Non si ama se non si soffre e non si ama se non si ha paura di perdere.

Ma quando ami vivi, forse male, forse bene, ma vivi.

Allora muori quando smetti di amare, scompari quando non sei più amato.

Se l’amore ti ferisce, cura le tue cicatrici e credici, sei vivo.

Perché vivi per chi ami e per chi ti ama.

(Alda Merini)

15822778_10154193277728176_1249608867394673784_nQuesto amore è morto
è deceduto
è morto
annichilato scaduto
liquidato
ucciso perito
obliterato
morto
sepolto
allora,

perché batte ancora?

(Cristina Perri Rossi)

2017-01-26-20-53-25Lui preferiva la pioggia.

Lei, il sole.

Io, la neve.

Lei guardava tutte le telenovelle.

Lui, le partite di calcio.

Io, troppo poco.

Lei amava Dio su tutte le cose.

Lui era ateo.

Io, agnóstico.

A lui piaceva andare a ballare.

A lei i concerti. A me, il cinema.

Lei sfoggiava una premeditata

trascuratezza.

Lui era sempre impeccabile.

Io, non tanto.

Eravamo buoni amici,

ma lei era innamorata di lui.

Il problema era che lui amava me.

Ed io, certo, amavo lei.

( Fabián  Vique)

5Potrei perfettamente escluderti

dalla mia vita,

non rispondere alle tue telefonate,

non aprirti la porta di casa,

non pensarti, non desiderarti,

non cercarti nei posti comuni

e non rivederti più,

girare per le strade

dove so che tu non passi,

eliminare dalla mia memoria

ogni istante condiviso con te,

ogni ricordo del tuo ricordo,

dimenticare il tuo viso

fino al punto di non riconoscerti,

rispondere evasivamente

quando mi domanderanno di te

e fare come se tu

non fossi mai esistit0.

Però ti amo.

(Darío Jaramillo Agudelo)

4Non ti rimpiango, non mi fai male,

non hai significato, non esisti in me

come l’ardente sole

che se ne andò a mezzanotte,

come la donna che cadde

nelle mani del suo giocattolo.

Mi fai male dove non sei.

Mi fai male nell’ ingenuità

di aver sottovalutato

la tua ambizione cosmopolita.

Mi fai male nell’astrazione

di quegli istanti nella tua stanza coloniale,

nei baci che nessun bacio cancellerà,

nel frammento di vita

che la tua vita non riuscirà a trascendere.

Mi fai male nella frase anteriore

e in quella che segue.

Mi fa male pensare

che forse tu possa avere una remota idea

di quello di cui parlo.

E sai che quando dico “tua”

cercherai nell’oscurità

i miei occhi magici.

(Efraim Medina Reyes)