Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for agosto 2012

 

Camminare sempre al suo fianco –

la più piccola delle due !

Mente nella sua mente,

sangue del suo sangue,

due vite – un solo essere – adesso.

Assaporare sempre il suo destino :

se dolore – la parte maggiore –

se gioia – accantonare

la mia porzione per quel caro cuore.

 

(Emily Dickinson)

Read Full Post »

C’è abbastanza perfidia, odio,

violenza,

assurdità nell’essere umano, medio,

per fornire qualsiasi esercito in qualsiasi,

giorno.

E i migliori assassini sono

quelli che predicano contro.

E i migliori a odiare sono

Quelli che predicano amore.

E i migliori in guerra , in definitiva,

sono quelli che predicano pace.

Quelli che predicano Dio

hanno bisogno di Dio.

Quelli che predicano pace

non hanno pace.

Quelli che predicano amore

non hanno amore,

attenti ai predicatori.

Attenti ai sapienti.

Attenti a quelli che leggono

sempre libri

Attenti a quelli che o detestano la

povertà o ne sono orgogliosi.

Attenti a quelli pronti a elogiare

poiché hanno loro bisogno di

elogi in cambio.

Attenti a quelli pronti a censurare:

hanno paura di quello che non sanno.

Attenti a quelli che cercano continuamente

la folla;

da soli non sono nessuno.

 

(Charles Bukowski )

 

Read Full Post »

Uno si costruisce grandi storie,

questo è il fatto, e può andare avanti anni a crederci,

non importa quanto pazze sono, e inverosimili,

se le porta addosso,e basta.

Si è anche felici, di cose del genere.

Felici. E potrebbero non finire mai. 7

Poi, un giorno, succede che si rompe qualcosa,

nel cuore del gran marchingegno fantastico,

tac, senza nessuna ragione,

si rompe d’improvviso e tu rimani lì,

senza capire come mai

tutta quella favolosa storia non ce l’hai più addosso,

ma davanti,

come fosse la follia di un altro,

e quell’altro sei tu.

Tac. Alle volte basta un niente.

Anche solo una domanda che affiora.

Basta quello.

 

(A.Baricco)

Read Full Post »

Mi sembra di viaggiare

in zone rarefatte del pensiero,

dove si affina la mia disposizione a vivere

che si inebria di stili e discipline.

In un insieme irridente di parche voglie,

celebro il mio vanto i miei sensi la mia unicità.

Furono giorni di stanchezza assurda e depressiva,

di una totale mancanza di lucidità.

Quando ti chiedi in qualche letto sconosciuto,

che cosa hai fatto e perchè vivi in tanta estraneità.

Sapessi che dolore l’esistenza

che vede nero dove nero non c’è n’è.

Il fatto è che non posso più tornare indietro

che non riesco a vivere con te ne senza di te,

credimi.

Ma io vorrei essere un’aquila vedere il piano del mondo

che inclina verso di noi e le leggi che si inchinano

lanciarmi a inseguire il tuo deserto

e i poteri solenni e le porte dorate cominciare di nuovo il viaggio

Read Full Post »

Read Full Post »

 

Quando morì non me ne accorsi.

Dormivo sulla sedia, le mani intrecciate alle sue,

gli occhi miei chiusi e i suoi aperti verso di me.

Quando sciolsi le dita dalle sue fui solo al mondo.

Fu la mia porzione quella donna venuta fino a me.

Edificammo contentezze,

lenticchie di festa minore ma continua.

E’ stata poco con me,

una breve durata nel corso della vita,

però è venuta.

Sono stato una persona in questo mondo

non solo per i primi dieci anni della vita,

ma anche nei sette del matrimonio.

Essere al mondo, per quello che ho potuto capire,

è quando ti è affidata una persona

e tu ne sei responsabile

e allo stesso tempo tu sei affidato a quella persona

ed essa è responsabile per te.

Sette anni non furono pochi.

Anche se fossero stati la metà o la metà ancora,

non sarebbe stato poco.

Non ci si può lamentare della brevità, non è giusto,

ma della lunghezza sì.

Ho avuto imbarazzo a vivere ancora.

Non provo dolore nel vedere il cielo

qualche volta uguale

a quello di un agosto

passato insieme in vacanza,

però arrosisco di poterlo guardare,

di essere rimasto.

Di questo per me si tratta,

di essere il resto di alcune persone,

delle loro sottrazioni.

 

(Erri De Luca “Non ora, non qui“ )

Read Full Post »

Vi sono suicidi invisibili.

Si rimane in vita per pura diplomazia,

si beve , si mangia, si cammina.

Gli altri ci cascano sempre,

ma noi sappiano, con un riso interno,

che si sbagliano, che siamo morti.

( G. Bufalino )

Read Full Post »

Older Posts »