Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for ottobre 2011

Non mi nascondo dietro un sorriso
né all’ombra di un ramo sterile e anemico
non mi rifugio in sogni inaccessibili
e non conto le lucciole la sera
l’eco dei miei passi non si perde nell’inganno del vento
e la strada che calpesto non è fatta di specchi
ho mille cicatrici sulle mie labbra
una ad una parlano per me
e tutte valgono la mia vita
non voglio sentire il rumore di parole inutili
né voglio parlare a chi non ha udito
ho mille porte aperte nella mia casa
ma solo una rampa di scale praticabile
il resto è una giostra di facce indifferenti
il resto è un giorno che scivola nella notte
già alle prime luci dell’alba.

(Antonella del Guerra)

Read Full Post »

E’  l’abbraccio una porta invisibile

Che appare d’improvviso

Quando due anime e due corpi si incontrano

La porta attraverso il quale l’uno entra nell’anima dell’altro

Ma non c’è bisogno di bussare

Né di chiedere il permesso

E’ una porta che si apre nel momento stesso

In cui si allargano le braccia verso l’altro

In segno di amicizia e di amore.

E’ apertura

Io sono entrato per questa porta

Conduceva al tuo cuore, alla tua anima.

Anche tu hai fatto altrettanto.

Era una porta alta e larga

Non era stretta

Perché un abbraccio si da con le braccia aperte e non strette.

Varcata questa porta si entra in una dimensione di intimità,

tale che nessun testo per quanto sia esplicativo

può descriverne la sensazione.

Un angolo di Cielo

(Enrico Mancini)


Read Full Post »

Posa tra le mie braccia nude
quell’attimo invisibile di noi
il suono squillante di campane
nel ritrovare i nostri sguardi
l’oblio del disamore.
Posalo con occhi di bambina
con la purezza di un respiro solo
come la gemma più preziosa;
io farabutto e puttana
poeta del niente
che sfiora leggero il tuo viso
potessi seguire la curva della tua schiena
contarne le vertebre
sentirle ad una ad una sotto le dita
potessi calmare la sete
al centro preciso di te
e vivere come vivono gli astri,
per sempre e per un solo minuto.
Posa tra le mie braccia nude
lo spirito inquieto che danza
ritmando il bisogno di spazio e di cieli,
deserti e comete.
Non credere me consumato vestiario
scarno e sbiadito,
non chiudermi nel mausoleo del ricordo
dove tutto si copre di polvere,
ma posati in me, riposa l’affanno;
il tempo ha bisogno di tempo
per essere dono sublime.
Respiro l’assenza di te
e sono animale ferito

(Guido Mazzolini)

Read Full Post »

Non lasciarti distruggere…

Aggiungi nuove pietre

E costruisci nuove poesie.

Reinventa la tua vita sempre, sempre

Rimuovi pietre e piante di rose e fai dolci. Ricomincia.

Fai della tua vita meschina

un poema.

E vivrai nel cuore dei giovani

e nella memoria delle generazioni che verranno.

Questa fonte è per l’uso di tutti gli assetati.

Prendi la tua parte.

Avvicinati a queste pagine

e non impedirne l’uso

a quelli che hanno sete.

(Cora Coralina)

Read Full Post »

Read Full Post »

La vita ha due facce:
Positiva e negativa.
Il passato è stato duro
ma ha lasciato la sua eredità.
Saper vivere è la grande sapienza
che rende degna
la mia condizione di donna,
accettare le sue limitazioni
e diventare, come una pietra, la sicurezza
dei valori che stanno crollando.
Sono nata in tempi difficili.
Ho accettato contraddizioni
lotte e pietre
come lezioni di vita
e di queste mi servo.
Ho imparato a vivere.

(Cora Coralina)

Read Full Post »

Nelle palme delle tue mani
Leggo le linee della mia vita.

Linee incrociate, sinuose,
interferendo nel tuo destino.

Non ti ho cercato, non mi hai cercato
andavamo soli per strade diverse.

Indifferenti, ci incrociammo
Passavi con il peso della vita …

Corsi incontro a te
Ti sorrisi. Abbiamo parlato.

Questo giorno è stato caratterizzato
con la pietra bianca della testa di un pesce.

E da allora camminiamo
uniti per la vita …

(Cora Coralina)


Read Full Post »

Older Posts »